miniheadersito

facebook
instagram
whatsapp
messenger
telegram

ITALEXIT CON PARAGONE PIEMONTE 

headessitosenzalogoesagonalesmall

Coordinamento Regionale: info@italexitconparagonepiemonte.org

 

 

Privacy policy

bandiera

OFFERTA CINESE PER IVECO

10-01-2021 18:13

Italexit con Paragone - Piemonte

Notizie, Territorio, iveco, cina, privatizzazioni,

OFFERTA CINESE PER IVECO

L’ITALIA È UFFICIALMENTE IN SVENDITA, IL GOVERNO SI SVEGLI!

 

 

 

OFFERTA CINESE PER IVECO: L’ITALIA È UFFICIALMENTE IN SVENDITA, IL GOVERNO SI SVEGLI!

 

 

 

Dopo neanche una settimana dall’annuncio della nascita di Stellantis, il comparto industriale italiano viene travolto da una nuova notizia shock: dalla Cina è arrivata un’offerta a CNH per l’acquisto di Iveco e, tanto per cambiare, Exor è pronta a valutarla.

CNH (ex Fiat Industrial) è la società che produce macchine per agricoltura e costruzioni, veicoli industriali e commerciali, autobus e mezzi speciali (tra cui quelli con il marchio Iveco). Negli ultimi anni (a parte il 2016) ha rappresentato per Exor una fonte di profitti enormi, ragione per cui è stata probabilmente tenuta separata dalla fusione con PSA: il 2020 si chiuderà in perdita – come per buona parte di tutto il settore – ma questo non ne giustifica la vendita, se non in un’ottica puramente speculativa.

È palese che Exor abbia deciso di intraprendere dal 2018 (con la vendita di Magneti Marelli ad un gruppo giapponese) un percorso per liberarsi del “fardello industriale” e concentrarsi su altri settori (in primis finanza ed editoria), lasciando ai nuovi proprietari la responsabilità delle ripercussioni su fornitori e lavoratori.

italexitfcacnh-1610296731.png

Di fronte a questo scenario, Italexit con Paragone rivendica con orgoglio il suo ruolo di unica voce fuori dal coro nel denunciare i pericoli di queste operazioni per Torino e per l’Italia. Mentre Governo e sindacati restano in silenzio, si può dire che la svendita dei pezzi pregiati del Paese è ufficialmente iniziata. Conte e Gualtieri, almeno questa volta, avranno il coraggio di alzare la voce per tutelare l’interesse nazionale?

Dal 1975 ad oggi, gli Agnelli hanno ricevuto più di 250 miliardi di euro come finanziamento pubblico (diretto o indiretto) per le loro aziende. A maggior ragione le istituzioni hanno il dovere morale di rivendicare un ruolo di primo piano in tali situazioni di criticità.

Italexit con Paragone chiede perciò che il Governo si attivi per convertire immediatamente in azioni delle società interessate i miliardi di fondi pubblici dati al gruppo Fiat in questi anni, assicurandosi di avere una percentuale superiore rispetto agli altri Stati (a partire dalla Francia) e sottraendole dalle quote di Exor (ormai un corpo estraneo a tutti gli effetti).

È tempo che l’Italia si riprenda ciò che è suo.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder